Con il suo nuovo libro Silvio Mengotto torna a parlarci della Natività e del presepe come aveva fatto anni fa con il suo bel volume Angeli a Natale

copertina

Un Gesù che oggi nasce tra i presepi moderni dove i «pastori» hanno il volto e la storia dei poveri, di chi è stato scartato, emarginato- «Se il povero è Gesù – dice don Luca Ciotti – bisogna trattarlo da Dio». «I nostri Natali – scrive l’autore – sono diventati ciechi, tristi, noiosi, ripetitivi perché non aspettano nessuno, solo regali! Natali chiusi, bloccati all’imprevedibile, allo straordinario gioco di un Dio bambino ricco che nasce povero in una mangiatoia nella periferia della Palestina».

«Le pagine – dice Gianni Borsa – che forse più caratterizzano questa opera sono quelle dedicate ai “pastori di oggi”, ai nuovi personaggi del presepe di Betlemme: i poveri, i rom, i rifugiati, i senzatetto, che abitano per le strade di Milano o alla Stazione Centrale, in qualche angolo buio della metropoli o lungo i binari delle Ferrovie Nord o in altri luoghi, nascosti agli occhi dei più «perché non c’era posto per loro nell’albergo». La “matematica di Dio”, che moltiplica per divisione, non si studia sui libri di scuola, ma per le strade dove vivono i senza tetto. Nel libro l’autore parla dell’esperienza delle 3P (Parola, Pane e Poveri) dove i giovani dell’Azione cattolica ambrosiana, da sette anni, invitano i senza tetto del centro di Milano per il pranzo e la tombolata di fine anno. «Oggi uno di voi – dice don Luca Ciotti ai senza tetto – ha sbancato i premi, tra questi una felpa che ha regalato ad un amico perché non ne aveva bisogno. Io non so se l’avrei fatto. Il meno e il più voi lo sapete meglio di noi». Molte le citazioni e numerosi i personaggi noti e richiamati: David Maria Turoldo, don Primo Mazzolari, Luigi Santucci, don Tonino Bello, Adriana Zarri, Pier Paolo Pasolini, don Luigi Ciotti, il monaco Enzo Bianchi ed Erri De Luca.

Il volume termina con la cronaca dell’imponente manifestazione di studenti e giovani milanesi del 27 settembre ’19 contro l’impoverimento  del clima sulla terra che ha reso “malato” l’intero pianeta. L’intuizione, e la profezia, della giovanissima leader Greta Thumberg è di avere detto ai potenti del mondo che i giovani di oggi sono poveri di futuro. Il volume si arricchisce  di fotografie di personaggi citati e conosciuti dall’autore.