La periferia ci spiazza come è avvenuto con la storia di Bogdan, un bambino rom di nove anni quasi completamente sordo e muto che vuole imparare a scrivere e comunicare

di Silvio Mengotto

1-120008

Oggi Bogdan vive con la mamma in una baracca nelle periferia sud di Milano. La sua storia ha colpito i volontari della Comunità di Sant’Egidio che da anni seguono con tenacia, l’inserimento e l’accompagnamento di oltre 200 minori rom dall’asilo sino alle scuole superiori.

«La storia di Bogdan – dice Stefano Pasta della Comunità di Sant’Egidio – ci ha colpiti. L’estate scorso l’abbiamo conosciuto una sera, mentre al lume di candela copiava, senza poterle capire, le letterine scritte sul quaderno dei compiti delle vacanze di suo cugino». Un comportamento che smentisce il pregiudizio di chi è convinto che i bambini rom non hanno voglia di studiare, e conferma che l’invito di papa Francesco per una Chiesa in «uscita» significa frequentare la periferia. Dietro una scrivania difficilmente si conoscono i problemi  e le persone, frequentando la periferia si ha la “grazia” di poter sentire “l’odore delle pecore”. I preti rischiano di diventare «una sorta di collezionisti di antichità, o di novità, – dice papa Francesco – invece di essere pastori con l’odore delle pecore, pastori in mezzo al proprio gregge». «Molte volte è meglio rallentare il passo, mettere da parte l’ansietà per guardare negli occhi e ascoltare, o rinunciare alle urgenze per accompagnare chi è rimasto al bordo della strada» (Evangeli Gaudium , nn. 46-47).

Il cardinale Angelo Scola ha detto che Milano deve includere e deve essere guardata dal punto di vista delle periferie, come ci indica papa Francesco. Un punto di vista giusto per provare a immaginare un futuro per la città guardando dalle periferie da coloro che le abitano all’insegna della giustizia e della misericordia. Il futuro di Bogdan, e di tutti i bambini rom, si chiama scolarizzazione, la sua importanza era già stata sottolineata nel documento della Curia milanese Rom, comunità cristiana e pubbliche amministrazioni (Ottobre 2010) dove si afferma: «Il miglior risultato è l’inserimento scolastico di tanti dei minori rom: l’integrazione passa da questa strada. In questo ultimo anno la sensibilità delle parrocchie è cresciuta e diverse si sono impegnate per accogliere alcune famiglie mettendo a disposizione locali propri o impegnandosi per il sostegno all’affitto. Gruppi di cittadini hanno espresso vicinanza, attenzione e cura a famiglie più volte sgomberate, dimostrando la possibilità della convivenza». Grazie alla sinergia tra le istituzioni, la tenacia di molti volontari e dell’Ufficio Scolastico Regionale, da una settimana Bogdan frequentare al mattino la scuola di via Baroni, ma l’orario si sta allungando. «Siamo molto contenti – dice Stefano Pasta – e sono in corso anche gli accertamenti clinici per l’eventuale uso di un apparecchio. Per Bogdan è una nuova vita, una rinascita».

La scolarizzazione dei minori rom è sempre un aggancio con le famiglie e, di fatto, significa aprire la strada del futuro per i bambini e le loro famiglie. Un obiettivo che rientra nella strategia di integrazione delle comunità Rom e Sinti in Italia. Ostacolare i bambini rom di frequentare la scuola significa rubare il futuro di una generazione. A Milano, come in tutta Italia, la frequenza scolastica per i bambini rom non è così scontata. Consapevole di questo problema, nell’incontro con i partecipanti al pellegrinaggio del popolo rom in Vaticano, papa Francesco rivolgendosi alle famiglie rom e alle istituzioni ha parlato di diritto alla scolarizzazione. «I vostri figli hanno il diritto di andare a scuola, non impediteglielo! […] Alle istituzioni civili è chiesto l’impegno di garantire adeguati percorsi formativi per i giovani gitani, dando la possibilità anche alle famiglie che vivono in condizioni più disagiate di beneficiare di un adeguato inserimento scolastico e lavorativo». Per Bogdan i volontari della Comunità di Sant’Egidio vorrebbero aprire una borsa di studio e iscriverlo ad un corso sportivo di equitazione. Chi desidera ricevere informazioni, o fare donazioni, può scrivere al seguente indirizzo: santegidio.rubattino@gmail.com