Segnaliamo un’interessante iniziativa che, se pur piccola, ci pare un bel segno dentro la città

di Annibale Osti e Guia Biscàro

1-115382

La Officina delle Biciclette della Casa dell’Accoglienza, ideata e gestita dalla Associazione MiRaggio, rappresenta una esperienza di impresa sociale innovativa e sostenibile, che offre agli ospiti della Casa una occasione di promozione sociale e nel contempo propone un servizio alla cittadinanza di “usato sicuro e legale” che va a soddisfare la domanda di mobilità sobria ed ecologica.

Iniziamo da qualche numero: nel periodo marzo 2014/luglio 2015 l’Officina – gestita da 5 volontari – ha osservato il seguente orario di apertura: Lunedì/Mercoledì/Venerdì dalle 9 alle 12 circa. Nel periodo estivo l’Officina ha incrementato le aperture, aggiungendo anche il Martedì/Giovedì dalle 16 alle 19 circa.

Complessivamente nel periodo considerato la Associazione MiRaggio ha erogato un totale di circa 900 ore uomo, di cui circa 400 per attività di formazione e circa 500 per attività di riparazione/recupero.

In particolare, ai corsi di formazione hanno partecipato complessivamente circa 40 utenti, di cui 20 ospiti della Casa dell’Accoglienza, 10 minori seguiti dalla Associazione Biagi Rubini e 10 minori ospiti della Fondazione Casa del Giovane.

Nel corso dei 15 mesi presi in considerazione, l’Officina ha recuperato (tramite donazioni di privati cittadini) e rimesso in strada circa 80 biciclette ed ha effettuato circa 120 interventi di riparazione su biciclette di terzi.  Di questi, i 2/3 circa su biciclette di ospiti della Casa dell’Accoglienza e il restante su cittadini, abitanti del quartiere e non, comunque sensibili al progetto di impresa sociale proposto.

Come abbiamo iniziato?  Come in tutti i racconti, si parte con un classico “c’era una volta”… che – nel nostro caso – si chiama Ottotubi.   Nell’aprile del 2013 MiRaggio organizza, all’interno della Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci, una esposizione di telai di bicicletta artigianali con opere dei più rinomati artigiani telaisti della scuola italiana.  Finita la mostra, i telaisti  hanno donato a MiRaggio i loro lavori,  che sono stati proposti in un’asta benefica per finanziare l’avvio di una officina.

Il Comune di Milano ha affidato a MiRaggio uno spazio proprio all’interno della Casa dell’Accoglienza di viale Ortles, un piccolo magazzino dotato di luce, acqua, riscaldamento, situato nel cortile con accesso autonomo da via Calabiana.

Dal marzo 2014 la Officina delle Biciclette è aperta ed operativa tre mezze giornate alla settimana.

Chi siamo? MiRaggio è un’associazione impegnata dal 2006 nella promozione di tutte le forme di utilizzo della bicicletta, con progetti destinati a sostenere i cittadini nella sperimentazione di percorsi di vita autonoma: mezzo di mobilità sostenibile, di svago e di sport. L’associazione propone percorsi di formazione, accompagnamento al lavoro e inserimento sociale a comunità, scuole, associazioni, oratori e centri di aggregazione giovanile, utilizzando la bicicletta come strumento di inclusione sociale e crescita educativa.

Cosa facciamo nella Officina delle Biciclette?  I primi mesi di attività sono stati impiegati per i corsi di formazione per gli ospiti del dormitorio.   Il piano didattico è partito dalle operazioni più semplici e  si è ampliato anche ad operazioni più complesse.  Dalla manutenzione di freni, ruote, catena, luci, sostituzione pezzi, check-up stagionale, all’assemblaggio di bici complete.  Queste operazioni, inizialmente sono state effettuate sulle biciclette degli utenti e successivamente anche su biciclette di clienti esterni, ai quali viene proposto un contributo spese, nella forma di libera offerta, oltre al costo dei ricambi.   Successivamente, ai corsi formativi per gli ospiti hanno fatto seguito anche alcune opportunità per borse lavoro presso aziende del settore.   I corsi diventano quindi occasioni di formazione professionale.

In parallelo ai corsi di formazione, il progetto di MiRaggio offre alla cittadinanza milanese  un canale certificato per l’acquisto di bici usate di sicura provenienza.

La richiesta di biciclette usate a basso costo è elevata: è sempre più diffusa la pratica di rivolgersi a luoghi di acquisto di biciclette a prezzi modici, ma di provenienza sicuramente illecita, senza rendersi conto che di fatto stiamo ricomprando la nostra stessa bicicletta, appena rubata, in un circolo vizioso che si ripete all’infinito.

Proprio per bloccare questa modalità criminale, MiRaggio propone un mercato di biciclette usate e perfettamente funzionanti, garantendone la lecita provenienza.   La ciclofficina della Casa dell’Accoglienza diventa così il punto di riferimento cittadino per l’acquisto di bici usate e garantite, sia da un punto di vista meccanico, che legale.

La manutenzione e rimessa in strada delle biciclette avviene all’interno della ciclofficina, ad opera degli operatori Miraggio e degli ospiti precedentemente formati.   I proventi delle donazioni sono reinvestiti nel progetto. Le biciclette così ottenute sono censite ed identificate.

L’apertura della ciclofficina consente inoltre ai cittadini milanesi di conoscere e frequentare il Dormitorio / Casa dell’Accoglienza, di attraversarlo, vivificarlo, restituendogli visibilità e dignità e di riconoscerlo come parte attiva e protagonista nel panorama cittadino.

In conclusione, se avete biciclette che non utilizzate, anche in cattivo stato, portatela alla Officina delle Biciclette della Casa dell’Accoglienza di viale Ortles: qui si r/accolgono biciclette!