Domenica 29 settembre sarà inaugurata a Basiano (MI) un’aiuola ‘resistente’ dedicata alla partigiana Tina Anselmi, prima donna ministro della repubblica italiana. Memoria e ‘sostenibilità’ per un’iniziativa dal forte impatto sociale

di Giorgio Castriota
Circolo ACLI Don Alfredo Tonolli di Masate e Basiano, Acli Terra Milano

Aiuola res_Foto_20set19

Questo articolo ha un obiettivo: accompagnare il lettore verso una riflessione inedita riguardo il concetto di ‘sostenibilità’. Ci sono già tantissime definizioni, alcune anche molto belle, cosa mai si potrebbe dire di nuovo sulla sostenibilità? Forse che è la forma più elevata di comunicazione possibile perché consente alle generazioni attuali di comunicare il rispetto per la vita alle generazioni future vivendo il pianeta senza compromettere la vita che verrà.

A nord est di Milano c’è un piccolo Circolo ACLI che cerca sempre nuove strade, in tutte le direzioni, e da un paio d’anni compensa le emissioni di CO2 legate alle attività di organizzazione dei propri eventi mediante la piantumazione di essenze arboree nel territorio di riferimento: i comuni di Basiano e Masate. Settemila anime in tutto.

Per le attività svolte nel 2018 il Circolo ha immesso in atmosfera circa 3.335 kg di CO2 equivalente, per compensare le quali si è deciso di mettere a dimora 8 alberi distribuendoli equamente nei territori dei due comuni: 4 a piante a Masate e 4 piante a Basiano. Le piante destinate al Comune di Masate sono già state messe a dimora nella primavera di quest’anno. Per Basiano – di concerto con l’Amministrazione Comunale – si è deciso di creare una ‘Aiuola resistente’ mediante delle essenze ‘resistenti’, scelte per le loro caratteristiche di resilienza e tenacia alle avversità e di dedicarla alla prima donna ministro della Repubblica, nonché staffetta partigiana Tina Anselmi. L’area individuata per la piantumazione è un’aiuola sita in via Giuseppe Garibaldi angolo via Risorgimento. Un piccolo gesto dal grande valore simbolico per la salvaguardia del nostro ecosistema e con un messaggio politico e sociale importante.

Praticare sostenibilità vuol dire stare insieme: insieme al mondo, rispettandolo; insieme agli altri, a quelli che ci sono, aiutandoli a vivere meglio; insieme a quelli che verranno, lasciandogli un mondo vivibile. Il mondo è delle donne, quindi a una donna andava dedicata la prima aiuola resistente della Martesana. A Tina Anselmi, partigiana e prima donna ministro della Repubblica Italiana.

La scoperta più grande fatta in quei mesi di lotta durante la guerra è stata l’importanza della partecipazione: per cambiare il mondo bisognava esserci. Questo è stato il motivo che mi ha fatto abbracciare l’impegno politico: la convinzione che esserci è una parte costitutiva della democrazia, senza partecipazione non c’è democrazia e il paese potrebbe andare nuovamente allo sbando. Ecco il motivo per cui non dobbiamo tradire la resistenza, dobbiamo conoscerla e non tradire i valori su cui si  è fondata questa pagina della nostra storia e dobbiamo essere presenti come lo eravamo ieri. (Tina Anselmi, La Gabriella in bicicletta, Manni, 2019)

L’aiuola resistente sarà inaugurata domenica 29 settembre e il commento musicale della mattinata sarà affidato alla tromba di Luca Calabrese, musicista di caratura internazionale, che reinterpreterà il brano ‘Bella Ciao’. Senza cantarlo.