Rassegna bibliografica

Presepi. Storie di Natale Recensione

Presepi. Storie di Natale

Un libro sull’attualità del presepe dove Gesù nasce per «i pastori di oggi». Prefazione di Gianni Borsa

Le stelle di Lampedusa Recensione

Le stelle di Lampedusa

«Mi piace pensare – dice Pietro Bartolo – che le stelle di Lampedusa siano lì per proteggere le migliaia di bambini che ogni giorno devono affrontare viaggi disperati come quello di Anila»

Il filo infinito Recensione

Il filo infinito

Si può parlare di Europa anche spostandosi da un monastero all’altro. Cosa ci consegna la tradizione benedettina? Perché l’Europa è un valore?

I racconti di kolima di Varlam Tichonovič Šalamov Recensione

I racconti di kolima di Varlam Tichonovič Šalamov

“ Il poeta stava morendo. Le mani gonfie con le dita bianche, esangui e le unghie sporche erano posate sul petto, senza guanti. Prima se le metteva sul petto nudo, ma ormai neanche lì c’era più calore. Gli avevano rubato i guanti in pieno giorno: rubavano sfrontatamente”

Un esempio attuale per capire l’Italia di oggi Recensione

Un esempio attuale per capire l’Italia di oggi

A cent’anni dal famoso appello «A tutti gli uomini liberi e forti», datato 18 gennaio 1919, oltre a rendere omaggio alla figura di Luigi Sturzo, l’intento del libro curato dai giornalisti Alberto Mattioli e Pino Nardi, è quello di ricordare le sue profezie rispetto ai tanti nodi irrisolti del nostro Paese

I Racconti di Kolima Varlam Tichonovič Šalamov

I Racconti di Kolima

“ Il poeta stava morendo. Le mani gonfie con le dita bianche, esangui e le unghie sporche erano posate sul petto, senza guanti. Prima se le metteva sul petto nudo, ma ormai neanche lì c’era più calore. Gli avevano rubato i guanti in pieno giorno: rubavano sfrontatamente”.

«Non sono razzista, ma…» Recensione

«Non sono razzista, ma…»

Il nuovo libro di Stefano Pasta, esperto d’interventi a contrasto delle discriminazioni – in particolare delle presenze di rom e sinti in Italia – propone un nuovo modo di pensare la media education, facendola uscire dal recinto dell’educazione formale per promuovere l’incontro con la prevenzione e la cittadinanza